24 Settembre / Intervento Gruppo Rem e Laboratorio

Durante la mattinata, la dott.ssa Zoratto, ha portato la testimonianza del Gruppo Rem, agenzia di comunicazione integrata (che cioè ha raggio d’azione la comunicazione a 360 gradi) che si occupa, oltre che di migliorare la comunicazione delle aziende o degli enti che vi si affidano, di curare la comunicazione “green” dei suoi clienti.

Molte sono state infatti le esperienze di aziende che hanno voluto rafforzare la loro corporate social responsibility, anche cercando di azzerare, limitare e/o compensare l’impatto del ciclo di produzione dei prodotti o servizi. A tal fine le aziende e gli enti pubblici interessati a portare avanti una serie di azioni “green” hanno stipulato un accordo volontario con il Ministero dell’Ambiente, impegnandosi dunque a limitare l’impatto ambientale delle loro attività. Il gruppo Rem affianca le aziende nel portare avanti questo percorso di “sostenibilità” fondato su un modello di comportamento virtuoso, per poi dichiararlo attraverso un progetto comunicativo ben pianificato attraverso piattaforme di comunicazione integrate.

GRUPPO 1 / Parisi, Petri, Lauretano
Oggi siamo andati avanti nel perfezionamento di alcuni aspetti del nostro progetto, soprattutto dopo la revisione con la professoressa Indrigo che ci ha illuminato su alcuni punti critici che non avevamo preso in considerazione. Abbiamo iniziato a ragionare sull’impostazione che vogliamo dare alle nostre tavole per valorizzare al meglio il nostro progetto. Ci resta ancora da perfezionare alcuni disegni prima di poter passare veramente all’impaginazione.

GRUPPO 2 / Longo, Sfozin, Stincone
Oggi il nostro lavoro si è concentrato nell’iniziare ad impostare la prima tavola, il render per la seconda con tutti gli elementi del nostro progetto.
Abbiamo inoltre realizzato il modellino in scala 1:2 della nostra maniglia in fimo e gesso.

GRUPPO 3 / Tavoschi, Pauletto, Pietrini
Studio di grafici riguardanti i meccanismi di funzionamento per semplificare la comunicazione con l’utente finale.
Avanzamento degli elaborati grafici.

GRUPPO 4 / Stefanutto, Anese, Fumolo
Nella giornata di oggi ha preso vita il modello 3d, che pur essendo composto da pochi elementi ha presentato delle difficoltà per la resa di superfici tridimensionali di forma eterogenea. Inoltre è stato necessario dare una resa realistica ai sacchi contenitori in modo che il render risulti realistico e di maggiore impatto.

GRUPPO 5 / Cristofoli, Marcuzzi, Guardiero

GRUPPO 6 / Dalla Farra, Forestieri, Boccanegra
Dopo varie riflessioni abbiamo deciso di tralasciare l’idea della scatola come cestino omettendola totalmente. Il progetto, essendo un’unica lastra, diventerà il packaging di se stesso. Saranno solamente il colore, le dimensioni e alcune caratteristiche tecniche (assemblaggio, presenza del tappo, possibilità di essere agganciato o trasportato) a differenziare le varie funzioni dei nostri cestini.

GRUPPO 7 / Mion, Palagrò, Marcon
Rivisitato ancora una volta il progetto, abbiamo aggiunto qualche piccolo dettaglio al tagliere, come il bordo di scolo per i liquidi derivanti dal taglio delle verdure, ad esempio, e fatto qualche modifica, come arrotondare gli angoli in modo tale che non sia un oggetto pericoloso per i più piccoli in casa. Una volta sistemate le ultime misure si è proceduto a continuare l’impaginazione delle tavole di presentazione iniziate ieri e a costruire il plastico dimostrativo in scala 1:1.

GRUPPO 8 / Gosgnach, Tedesco, Fagotto
Nella giornata odierna abbiamo completato il modello 3D e provato degli effetti per i fotoinserimenti nella tavola.
Infine abbiamo quotato i prospetti e le sezioni

GRUPPO 9 / Creter, Pellos, Buzzo Contin
Abbiamo continuato con il modello tridimensionale, riscontrando alcuni problemi riguardante il cestino in plastica. Abbiamo deciso di fare un prototipo in modo tale da rendere l’idea di come funziona l’oggetto. Sono stati definiti meglio i dettagli dei vari componenti come ad esempio la forma più morbida del modulo.